“PASQUA A MATERA E IN PUGLIA” – BUS GT DA RIMINI

“PASQUA A MATERA E IN PUGLIA”

dal 01 al 06 aprile 2021
Autobus GT da Rimini

“I profumi, le tradizioni e i sapori di questa parte d’Italia, la cucina pugliese ne esalta quelli più naturali elaborando i prodotti della terra con semplicità, ti aspettano con un itinerario di 6 giorni tra Puglia e Matera. Qui scoprirai i trulli di Alberobello, la celebre scogliera di Polignano a Mare, la cattedrale di San Nicola Pellegrino di Trani, la “città bianca” di Ostuni, lo stile barocco di Lecce, Castel del Monte e Matera, città unica nel suo genere.”

.

Programma di viaggio:

1° GIORNO: Rimini / Trani / Valle d’Itria (km 620)
Ore 7.30 partenza in pullman via autostrada Ancona/Pescara per Trani, con soste intermedie lungo il percorso. Arrivo e pranzo libero. Dopo il pranzo tempo a disposizione per una passeggiata in libertà nella cittadina pugliese, il cui centro storico, ricco di viuzze e monumenti storici, si specchia nell’acqua. Su tutto svettano la maestosa Cattedrale di San Nicola Pellegrino, gioiello romanico, e il Castello Svevo. Proseguimento per la Valle d’Itria. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

2° GIORNO: Matera (km 150)
Dopo la prima colazione partenza con la guida locale per Matera. Visita alla città, Capitale Europea della Cultura nel 2019. L’itinerario, romantico culturale, consiste in una passeggiata suggestiva nei tipici vicoletti e vicinati del caratteristico quartiere dei Sassi, un percorso nei principali luoghi da cui poter ammirare spettacolari vedute panoramiche della città vecchia: da piazza G. Pascoli, passando per piazza Duomo e giungendo a piazza Vittorio Veneto, dove domina il Palazzo dell’Annunziata che fu convento delle Domenicane dal 1734 al 1861. Di fronte al palazzo si può osservare il bellissimo campanile con annessa chiesetta detta della “Materdomini”, appartenuta ai Cavalieri di Malta. Nel corso della giornata è prevista la visita ad un tipico forno ove si produce il “pane di Matera”, riconosciuto dalla Commissione Europea come prodotto IGP e per la cui tutela e valorizzazione è stato costituito un Consorzio formato dai produttori locali, tutti panificatori da generazioni. Pranzo libero. Rientro in hotel nel tardo pomeriggio, cena e pernottamento.

3° GIORNO: Lecce (km 250)
Dopo la prima colazione partenza per Lecce. Intera giornata dedicata alla visita guidata della città. La visita toccherà, tra gli altri, Piazza Duomo, il “salotto” più elegante della città e una delle opere monumentali che meglio rappresenta la magnificenza dello stile leccese; Piazza Sant’Oronzo con i resti dell’anfiteatro romano e la chiesa di Santa Maria delle Grazie; la Basilica di Santa Croce. Lecce è anche definita la “Firenze del sud”, per i suoi edifici religiosi in stile barocco, caratterizzati da ricche e fantasiose decorazioni scultoree, grandi capolavori in cartapesta. La cartapesta leccese fa parte dei simboli della tradizione e della storia di questo territorio e rappresenta una vera e propria arte. Durante la giornata è prevista la visita ad un laboratorio per apprendere alcune tecniche di lavorazione e modellazione di questo materiale. Pranzo libero in corso di visite. Rientro in hotel nel tardo pomeriggio, cena e pernottamento.

4° GIORNO: Ostuni / Alberobello (km 120)
Dopo la prima colazione partenza con la guida locale per Ostuni, arroccata su tre colli da cui si può godere di un bellissimo panorama sulla campagna delle Murge con i suoi uliveti. Passeggiata nella città vecchia, cinta dalle mura aragonesi, per ammirare la quattrocentesca Cattedrale e le numerose chiese e dimore signorili. Qui tutto è bianco e brilla di luce: ogni angolo, i muri delle case, delle chiese, i tetti, le piazzette, le persiane. Questa sua caratteristica ha fatto sì che Ostuni sia conosciuta come “la città bianca”. Rientro in hotel per il pranzo tipico di Pasqua. Trasferimento ad Alberobello. Visita alla cittadina, Patrimonio Mondiale Unesco, che è famosa per i suoi trulli, abitazioni in pietra calcarea, esempi straordinari di edilizia in pietra a secco a lastre, una tecnica risalente all’epoca preistorica. Sebbene i trulli rurali siano sparsi per tutta la Valle d’Itria, la massima concentrazione di esemplari meglio conservati si trova proprio ad Alberobello, con più di 1500 strutture nei rioni di Monti e Aja Piccola. Rientro in hotel nel tardo pomeriggio, cena e pernottamento.

5° GIORNO: Polignano a Mare / Monopoli (km 50)
Dopo la prima colazione partenza con la guida locale in direzione della costa adriatica. Arrivo e visita di Polignano a Mare, il cui borgo medievale è cinto da alte mura. Passeggiata tra i caratteristici vicoli fino ad arrivare alla scogliera dove si infrangono le onde dell’Adriatico, famosa perché qui in estate si tiene il campionato di tuffi da grandi altezze, e perché è stata il set di numerosi film. Pranzo libero e proseguimento per Monopoli. Visita al centro storico, anch’esso risalente al medioevo, quando il porto aveva grande importanza e la città era uno dei baluardi che difendevano la costa dagli attacchi dei pirati saraceni. Passeggiata alla scoperta delle piazzette, dei claustri, dei cortili. Al termine delle visite rientro in hotel, cena e pernottamento.

6° GIORNO: Castel del Monte / Rimini (km 620)
Prima colazione in hotel e partenza per Bisceglie per la visita ad un tipico frantoio per la produzione di olio extravergine di oliva ottenuto dalla spremitura a freddo di olive esclusivamente locali. Proseguimento quindi per Andria per la visita guidata di Castel del Monte. Il castello, di struttura ottagonale, fu fatto costruire da Federico II di Svevia nel XIII secolo ed è Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco. Al termine partenza via autostrada per il rientro, con sosta per il pranzo libero lungo il percorso e arrivo a Rimini previsto per le ore 20.30 ca.

.

Note: l’orario di partenza è indicativo e soggetto a variazione e sarà riconfermato sul foglio notizie consegnato prima della partenza. L’ordine delle visite ed escursioni potrebbe subire variazioni per motivi di ordine tecnico/organizzativo. Tutte le visite previste nel programma sono comunque garantite. Si fa però presente che le guide locali hanno la facoltà di decidere liberamente l’ordine delle stesse e anche la possibilità di variare i percorsi di visita, considerando i flussi turistici del momento. E’ inoltre possibile che a causa di eventi speciali, di manifestazioni pubbliche o istituzionali e di lavori di ristrutturazione o manutenzione, alcuni edifici, parchi o luoghi di interesse storico, naturalistico o culturale vengano chiusi al pubblico anche senza preavviso.

.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE:  € 770,00

Quota iscrizione € 30,00
Supplemento camera singola: € 160,00

La quota comprende: viaggio in pullman GT; sistemazione in hotel 4 stelle in camera doppia standard; 5 cene in hotel; pranzo di Pasqua in hotel il 4° giorno; guida locale come da programma; visita ad un tipico forno a Matera; visita ad un laboratorio per la cartapesta a Lecce; visita ad un frantoio; accompagnatore Robintur; assicurazione Optimas (garanzia Viaggi Rischi Zero, indennizzo ritardo volo, assistenza sanitaria, rimborso spese mediche, assicurazione bagaglio e garanzia annullamento) di UnipolSai Assicurazioni.

La quota non comprende: ingressi a siti/musei e monumenti durante le visite; facchinaggio; mance; tassa di soggiorno; extra personali e facoltativi in genere; tutto quanto non menzionato alla voce “la quota comprende”.

Numero di partecipanti previsti: minimo 25 / massimo 35 (*)

(*) Occupazione consentita in base alla normativa in materia di prevenzione al Covid19 in vigore alla data di pubblicazione del presente programma (DPCM del 7 settembre 2020) e soggetta ad eventuali modifiche al decadere della stessa.

Costo degli ingressi esclusi e da pagare in loco: € 30 per persona.

.

TOUR OPERATOR ORGANIZZATORE: ROBINTUR

DOCUMENTI DI VIAGGIO: ai sensi dell’art. 109 del Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza, all’arrivo in hotel è necessario esibire i documenti attestanti l’identità di tutti i componenti della prenotazione, inclusi i minori di qualsiasi età.

Tassa di Soggiorno: le amministrazioni locali hanno la facoltà di imporre un’imposta ai non residenti provvisoriamente in soggiorno nel territorio; nell’eventualità, la tassa di soggiorno non è compresa nelle quote e sarà da pagare in hotel al momento dell’arrivo.